02/12/2022

Se mai ci fosse stato alcun dubbio sul fatto che Silvio Berlusconi sarebbe diventato un goffo partner “junior” nel prossimo governo italiano, è stato dissipato in modo clamoroso questa settimana quando l’ex premier ottantenne è stato registrato vantandosi di aver scambiato doni di vodka, vino e “dolci” lettere con il russo Vladimir Putin – guadagnandosi rimproveri sia da Bruxelles che dal suo partner della coalizione, il probabile prossimo leader italiano Giorgia Meloni.

BerlusconiL’ultima gasconade, che il suo partito Forza Italia ha cercato di smentire in un primo momento, è stata confermata in una registrazione audio pubblicata in ritardo martedì dall’agenzia di stampa italiana La Presse.

“Ho riallacciato i rapporti con il presidente Putin, poco, molto”, si sentiva dire il tre volte ex premier nei commenti ai legislatori di Forza Italia. “Mi ha mandato 20 bottiglie di vodka e una lettera dolcissima per il mio compleanno. Ho risposto con 20 bottiglie di Lambrusco [a sparkling Italian red wine] e una lettera altrettanto dolce.

Berlusconi ha continuato a ripetere la sua passata descrizione del leader russo come un incompreso “uomo di pace”. Fra Mettere in“Cinque veri amici, io sono il numero uno”, ha aggiunto con la consueta spavalderia.

Mentre si diffondeva la voce dei commenti di Berlusconi, il suo ufficio ha prontamente emesso una goffa smentita, sostenendo di aver “raccontato una vecchia storia ai legislatori su un episodio accaduto anni fa”. Tuttavia, fu presto evidente che le osservazioni si riferivano al suo 86° compleanno il 29 settembre, quattro giorni dopo la coalizione di destra guidata dal suo alleato Giorgia Meloni ha ottenuto il maggior numero di voti in Italia elezioni generali.

I commenti di Berlusconi hanno immediatamente fatto notizia in prima pagina, gettando nel caos gli sforzi di Meloni per condividere i posti di governo tra i suoi alleati. Forza Italia, ora junior partner in una coalizione dominato dei Fratelli d’Italia di estrema destra di Meloni, sta puntando al ministero degli Esteri, tra le altre posizioni chiave del gabinetto.

“Meloni ostaggio dei filorussi”, titola mercoledì La Repubblica, scrivendo che l’incidente “ha minato la credibilità” del governo che sta cercando di formare, “danneggiando i rapporti dell’Italia con Washington”.

“Berlusconi è tornato a fare quello che sa fare meglio, lo showman”, ha aggiunto il caporedattore de La Stampa Massimo Giannini, descrivendo il magnate miliardario dei media come uno “sciocco shakespeariano che devasta la nascente corte di Meloni”.

Gli scomodi alleati di Meloni

Meloni, il prossimo leader italiano più probabile, sarebbe rimasto scioccato e livido per l’ultima gaffe dell’uomo a lungo noto come il Cavaliere (il Cavaliere), sgattaiolato fuori dal parlamento da una backdoor martedì sera per evitare la stampa. Come ha detto Giannini, le ultime spacconate di Berlusconi “hanno infranto i già fragili equilibri filo-Nato ed eurofili che il leader di Fratelli d’Italia faticava a garantire”.

Rompendo un silenzio lungo un giorno, la Meloni ha rilasciato una dichiarazione mercoledì in tarda serata insistendo sul fatto che avrebbe guidato un governo con una chiara politica estera.

“L’Italia, a testa alta, fa parte dell’Europa e dell’alleanza atlantica”, ha detto. “Chi non è d’accordo con questa pietra angolare non può far parte del governo, a costo di non avere un governo”.

Le credenziali di estrema destra di Meloni e la lunga storia di filippi euroscettici hanno sollevato le sopracciglia in alcune capitali europee. Ma ha sostenuto fermamente la NATO e l’Ucraina nella guerra, offrendo un forte sostegno alle sanzioni dell’UE contro la Russia.

>> ‘Madre, italiana, cristiana’: Giorgia Meloni, leader italiano di estrema destra all’apice del potere

La passata vicinanza dei suoi alleati con il Cremlino, tuttavia, è motivo di preoccupazione tra i leader occidentali.

Da tempo partner junior nelle coalizioni di centrodestra, Giorgia Meloni ha superato alleati e rivali per diventare la forza politica dominante dell'Italia.
Da tempo partner junior nelle coalizioni di centrodestra, Giorgia Meloni ha superato alleati e rivali per diventare la forza politica dominante dell’Italia. © Roberto Monaldo, La Presse via AP

Berlusconi ha una lunga storia di amicizia con Putin, che ha intrattenuto nella sua villa sarda quasi due decenni fa. Ha persino visitato la Crimea con il leader russo nel 2014 dopo che Mosca ha annesso la penisola all’Ucraina. Quello stesso anno, l’altro principale alleato di Meloni, Matteo Salvini della Lega anti-immigrati, è stato fotografato a Mosca con indosso una maglietta di Putin, un’acrobazia che ha ripetuto al Parlamento europeo mesi dopo.

Il collega di partito di Salvini, Lorenzo Fontana, eletto la scorsa settimana presidente della camera bassa del parlamento, martedì ha causato ulteriore imbarazzo a Meloni descrivendo le sanzioni dell’UE contro la Russia come un “boomerang” per l’economia italiana, provocando un rapido rimprovero da parte della Commissione europea a Bruxelles, che ha anche osservato che le sanzioni vietano l’importazione “oltre ai regali” di vodka russa.

“Non è folklore né scherzi”, ha twittato Enrico Letta, capo del Pd di centrosinistra, accusando la nuova maggioranza di destra italiana di “crescente ambiguità” nei confronti della Russia. “Chi sta danneggiando l’Italia all’estero?” chiese Letta. “L’opposizione… (o) il presidente della Camera che delegittima le sanzioni dell’Ue contro la Russia? Berlusconi che si riconnette con l’invasore dell’Ucraina?”

L’orgoglio ferito di Berlusconi

Non è la prima volta che Berlusconi pubblicizza la sua amicizia con Putin e apparentemente difende le sue azioni in Ucraina. Verso la fine della campagna elettorale, sembrava giustificare l’invasione della Russia affermando che Putin stava semplicemente cercando di mettere al potere a Kiev “persone decenti”.

I suoi ultimi commenti sono arrivati ​​appena 24 ore dopo che lui e Meloni avevano cercato di lasciarsi alle spalle giorni di acrimonia in un incontro privato, che le due parti hanno affermato essere stato condotto in uno spirito di “massima cordialità e collaborazione”.

Le tensioni erano esplose la scorsa settimana sulla divisione dei posti di gabinetto, in modo più spettacolare quando Berlusconi ha scarabocchiato un elenco di aggettivi dispregiativi su Meloni su un taccuino in bella vista dei fotografi del Senato italiano, definendola “presuntuosa, prepotente, arrogante, offensiva”.

Dopo che le immagini degli appunti sono diventate virali, Meloni ha replicato che Berlusconi ne aveva dimenticata una: “Che non sono ricattabile”.

Lo scambio ha fatto seguito all’elezione del nuovo presidente del Senato, il secondo funzionario più alto d’Italia, in cui Meloni ha superato in astuzia l’86enne ex premier per assicurarsi la nomina del fedele fratello d’Italia Ignazio La Russa senza consegnare a Berlusconi le posizioni di gabinetto in cui chiedeva Restituzione.

Il tour de force ha sottolineato a passaggio di potere generazionale all’interno della destra italiana, cosa che un risentito Berlusconi sembra non voler concedere dopo tre decenni di dominio sul campo. Martedì ha aggiunto benzina sul fuoco in commenti separati, con una battuta condiscendente e minacciosa: “Non ho problemi con Meloni. È amica di mio figlio e il suo compagno lavora per Mediaset [Berlusconi’s television company].”

La riluttanza del Cavaliere a cedere il passo a una leader donna che ha servito come sottosegretario nel suo ultimo gabinetto – e ha 41 anni più giovane di lui – pone un “problema strategico” per Meloni, ha affermato il caporedattore di Repubblica Maurizio Molinari, osservando che tali conflitti sono probabili ricorrenti nelle settimane e nei mesi a venire – e non solo in politica estera.

Molinari ha aggiunto: “Quello che ci dicono le ultime 48 ore è che Silvio Berlusconi è semplicemente riluttante a cedere la guida della destra a Giorgia Meloni”.

Source link