02/12/2022

Giorgia Meloni, la favorita alla guida del prossimo governo italiano, non ha nascosto la sua passione per l’autore fantasy JRR Tolkien, il cui classico Il Signore degli Anelli è stato a lungo uno dei preferiti della destra postfascista italiana, nonostante il disgusto dell’autore britannico per gli estremisti politica.

quando Meloni è stata eletta per la prima volta a gabinetto nel 2008, diventando il più giovane ministro italiano in assoluto a 31 anni, ha giurato che non sarebbe stata corrotta dall ‘”anello del potere” – un riferimento al premio finale al centro delle opere di Tolkien. Nello stesso anno, lei posato per un profilo di una rivista accanto a una statua di Gandalf, il mago barbuto che vagava per l’immaginaria Terra di Mezzo di Tolkien.

Quattordici anni dopo, la coalizione di destra di Meloni era sulla buona strada per ottenere una netta maggioranza in a elezioni generali domenica, rendendola la favorita per diventare la prima donna primo ministro del Paese. Fedele alla forma, ha concluso la sua campagna con un cenno a un altro eroe di Tolkien, Aragorn, al cui discorso di battaglia infuocato ha fatto riferimento alla sua ultima manifestazione elettorale a Roma.

Meloni, 45 anni, ha chiarito che considera le leggende degli anelli del potere molto più che opere di fantasia: ispirano la sua visione del mondo e la sua politica.

“Penso che Tolkien potrebbe dire meglio di noi ciò in cui credono i conservatori”, ha detto ha detto al New York Timesche ha indagato sul suo fascino per tutta la vita per il mondo di Tolkien in un articolo pubblicato questa settimana.

‘Piccolo drago di Undernet’

Meloni aveva 11 anni quando lesse per la prima volta Il Signore degli Anelli, quattro anni prima di entrare a far parte dell’ala giovanile del Movimento Sociale Italiano postfascista (MSI). Nei suoi primi anni ’20 è apparsa nelle chat room con il soprannome di Khy-ri, definendosi il “piccolo drago di Undernet (una popolare piattaforma di chat)” e discutendo della sua passione per la letteratura fantasy – e le opere di Tolkien in particolare.

Nella vita reale, Meloni si travestiva da Hobbit, i minuscoli abitanti dai piedi pelosi della mitica Terra di Mezzo di Tolkien. Lei e i suoi colleghi giovani attivisti si sarebbero incontrati al “suonare il corno di Boromir (protagonista de Il Signore degli Anelli)”.

Come Jason Horowitz del New York Times ha scritto: “Tutto ciò potrebbe sembrare un’infatuazione giovanile per un’opera solitamente associata alla narrativa fantasy e ai poemi epici ad alto budget piuttosto che alla militanza politica” – se non fosse per il ruolo svolto dalla mitologia di Tolkien nell’ispirare generazioni di giovani post-fascisti.

Lo stesso Tolkien ha sempre respinto le affermazioni secondo cui le sue opere portavano un messaggio politico contemporaneo; detestava la politica totalitaria. Eppure, i suoi racconti epici di guerrieri dalla pelle chiara che respingono orde oscure di orchi invasori hanno alimentato a lungo accuse di pregiudizio razziale. Allo stesso modo, l’attaccamento sentimentale degli Hobbit alla loro Contea incontaminata è stato descritto come un appello alla xenofobia e al rifiuto della modernità.

Secondo tali interpretazioni, l’opera di Tolkien fornisce ispirazione metaforica per quella di Meloni difesa ossessiva della “civiltà cristiana”, dei valori familiari tradizionali e dei confini nazionali, che vede minacciati dalla globalizzazione, dai cambiamenti sociali e dall’immigrazione.

Campi Hobbit

I frequenti riferimenti di Meloni a Il Signore degli Anelli non sono una sorpresa per Paolo Heywood, un antropologo dell’Università di Durham che ha svolto ricerche sui movimenti fascisti in Italia. I movimenti di estrema destra in tutto il mondo “sono sempre stati affascinati dalle immagini di virili eroi nordici che si trovano nell’opera di Tolkien”, ha spiegato.

Nel caso dell’estrema destra italiana, il fascino risale ai primi anni ’70, in seguito alla pubblicazione di una prima traduzione de Il Signore degli Anelli, preceduta dal filosofo e studioso di misticismo Elémire Zolla.

Per Zolla, i miti di Tolkien “rappresentavano una filosofia perenne che deve essere vista come un netto rifiuto del mondo moderno”, ha scritto Tobias Hof, storico culturale dei movimenti fascisti europei all’Università di Monaco. Questa lettura dell’opera di Tolkien era popolare tra un giovane di estrema destra che si sentiva soffocato dalla vecchia guardia del MSI e cercava nuova ispirazione, ha detto Hof.

Questa ricerca di nuovi eroi è arrivata in “un periodo in cui i movimenti giovanili di sinistra e di estrema sinistra erano dominanti – e in cui quelli all’altra estremità dello spettro si sentivano isolati”, ha detto Heywood.

A questo proposito, le avventure di Frodo lo Hobbit sono state sia un grido di battaglia per l’estrema destra che un “riferimento culturale che potevano condividere con altri della loro età”, ha affermato.

Alla fine degli anni ’70, la Tolkien-mania dell’estrema destra ispirò la creazione di “Hobbit Camps”, dove i fan dell’autore si riunivano per letture di libri, dibattiti politici e concerti rock di estrema destra, in quello che alcuni descrissero come un “Woodstock fascista”.

I campi finirono nel 1981, quando Meloni aveva appena 4 anni. Poco più di un decennio dopo, però, partecipò a un revival dei festival, soprannominato “Hobbit 93”, a Roma. Lì ha cantato insieme alla band di estrema destra Compagnia dell’Anello (Fellowship of the Ring), la cui canzone “Tomorrow Belongs to Us” era un inno dell’ala giovanile di MSI.

Una trovata pubblicitaria?

Mentre tali raduni hanno stimolato i giovani della generazione di Meloni, la loro effettiva influenza sulla destra postfascista italiana è rimasta limitata, ha affermato Piero Ignazi, politologo dell’Università di Bologna, osservando che i Campi Hobbit erano organizzati da un’ala minoritaria del MSI.

A grandi linee, “non si dovrebbe esagerare l’importanza dell’opera di Tolkien nella cultura dell’estrema destra italiana”, ha spiegato Ignazi, suggerendo che l’attenzione per l’autore fantasy aveva molto a che fare con la strategia comunicativa di Meloni.

“Fa parte del suo marchio personale, l’immagine di una donna che è meno aggressiva di altre figure di estrema destra e i cui riferimenti culturali sono accessibili e accettabili per tutti”, ha affermato.

L’attenzione agli Hobbit, agli Elfi e ad altre creature fantastiche ha l’ulteriore vantaggio di mettere in ombra gli aspetti meno appetibili del repertorio dell’estrema destra, a cominciare dalle figure del passato fascista italiano, ha aggiunto Heywood.

«Non perderà occasione per non parlare di Benito Mussolini», ha detto riferendosi all’ex dittatore fascista, che la Meloni ha elogiato all’inizio della sua carriera ma che ora accuratamente evita di menzionare.

Invece, mettendo in mostra la sua passione per Tolkien, Meloni può avere entrambe le cose, ha detto Heywood: fare appello al pubblico più ampio mentre fa un cenno ai veterani dei Campi Hobbit.

Questo articolo è stato tradotto da l’originale in francese.

Source link