06/10/2022

La capitale bulgara Sofia vantava i livelli di particolato PM2,5 più alti in Europa nel 2018. Foto: AFP
La capitale bulgara Sofia vantava i livelli di particolato PM2,5 più alti in Europa nel 2018. Foto: AFP

COPENHAGEN: L’inquinamento è legato a oltre il 10% dei casi di cancro in Europa, ha affermato martedì un rapporto dell’Agenzia europea dell’ambiente.

La maggior parte di questi casi è prevenibile, ha detto.

“L’esposizione all’inquinamento atmosferico, alle sostanze chimiche cancerogene, al radon, ai raggi UV (ultravioletti) e al fumo passivo insieme possono contribuire per oltre il 10% al carico di cancro in Europa”, ha affermato l’agenzia in una nota.

Ma l’esperto dell’AEA Gerardo Sanchez ha affermato che “tutti i rischi ambientali e di cancro sul lavoro possono essere ridotti”.

“I tumori determinati dall’ambiente dovuti a radiazioni o agenti cancerogeni chimici possono essere ridotti a un livello quasi trascurabile”, ha detto ai giornalisti la scorsa settimana prima della pubblicazione del rapporto, il primo dell’agenzia sul legame tra cancro e ambiente.

Nell’Unione Europea, a 2,7 milioni di persone viene diagnosticato un cancro ogni anno e 1,3 milioni ne muoiono.

Il continente, che rappresenta meno del 10 per cento della popolazione mondiale, riporta quasi un quarto dei nuovi casi e un quinto dei decessi.

L’inquinamento atmosferico è legato a circa l’uno per cento di tutti i casi di cancro in Europa e causa circa il due per cento di tutti i decessi per cancro, ha affermato l’agenzia.

L’esposizione indoor al radon è collegata fino al due percento di tutti i casi di cancro e a un caso di cancro ai polmoni su dieci in Europa.

Le radiazioni UV naturali possono essere responsabili fino al quattro percento di tutti i casi di cancro in Europa, ha affermato l’agenzia.

L’esposizione al fumo passivo può aumentare il rischio complessivo di tutti i tumori fino al 16% per le persone che non hanno mai fumato, ha aggiunto.

L’agenzia ha avvertito che alcune sostanze chimiche utilizzate nei luoghi di lavoro europei contribuiscono a causare il cancro, tra cui piombo, arsenico, cromo, cadmio, acrilammide e pesticidi.

Si stima che l’amianto, un noto cancerogeno, rappresenti dal 55 all’88% dei tumori polmonari professionali. L’UE ha vietato l’amianto nel 2005, ma è ancora presente in alcuni edifici e i lavoratori coinvolti in lavori di ristrutturazione e demolizione sono ancora esposti, ha affermato l’agenzia.

“I rischi di cancro ambientale e professionale possono essere ridotti ripulendo l’inquinamento e modificando i comportamenti”, ha aggiunto.

“Diminuire questi rischi porterà a una diminuzione del numero di casi di cancro e di decessi”.

Source link