06/10/2022

Harry Maguire e Cristiano Ronaldo
Harry Maguire e Cristiano Ronaldo sono stati tra gli otto giocatori del Manchester United tra i primi 10 a ricevere abusi

Cristiano Ronaldo e Harry Maguire del Manchester United hanno ricevuto il maggior numero di abusi su Twitter di qualsiasi giocatore della Premier League, secondo un nuovo rapporto.

L’analisi Ofcom di 2,3 milioni di tweet nella prima metà della scorsa stagione ha rilevato quasi 60.000 post offensivi, colpendo sette giocatori di massimo livello su 10.

La metà di quegli abusi è stata diretta a sole 12 persone, otto dello United.

Tuttavia, lo studio dell’Alan Turing Institute ha anche rilevato che la stragrande maggioranza dei fan utilizza i social media in modo responsabile.

“Questi risultati fanno luce su un lato oscuro del bellissimo gioco”, ha affermato Kevin Bakhurst, direttore del gruppo Ofcom per la trasmissione e i contenuti online.

“Gli abusi online non hanno posto nello sport, né nella società in generale, e affrontarli richiede uno sforzo di squadra”.

Giocatori che hanno ricevuto abusi

Ronaldo e Maguire i più presi di mira

Il rapporto ha identificato due picchi nella frequenza dei tweet offensivi.

Il primo è arrivato il giorno in cui Ronaldo è rientrato nel Manchester United il 27 agosto 2021, generando tre volte più tweet rispetto a qualsiasi altro giorno (188.769), di cui 3.961 offensivi. Al 2,3%, è leggermente inferiore alla media giornaliera.

Il volume dei post può essere in gran parte spiegato grazie ai 98,4 milioni di follower di Ronaldo. In questo giorno l’attaccante portoghese è stato menzionato nel 90% di tutti i tweet rivolti ai calciatori della Premier League e nel 97% dei tweet offensivi.

Il secondo picco è arrivato il 7 novembre, quando il difensore Maguire ha twittato delle scuse dopo quelle del Manchester United Sconfitta casalinga per 2-0 del Manchester City.

Tweet di Harry Maguire
Il tweet di Maguire ha seguito una serie di pessimi risultati per il Manchester United

In quell’occasione sono stati inviati 2.903 tweet offensivi – il 10,6% del totale quel giorno – con molti utenti che hanno reagito al post di Maguire con un linguaggio offensivo o umiliante.

Il rapporto ha anche rilevato che un tweet duplicato – utilizzando la stessa frase esatta – è stato inviato a Maguire 69 volte da utenti diversi entro due ore.

Lo studio afferma che “è possibile che questa duplicazione sia avvenuta perché gli utenti hanno visto il messaggio offensivo e hanno deciso di replicarlo, indicando un’organizzazione organica piuttosto che un comportamento coordinato”.

L’Alan Turing Institute ha affermato che la comprensione dell’organizzazione degli abusi online è di crescente interesse, dato il danno causato da attacchi coordinati e “pile-on”.

Altri giocatori sono stati presi di mira da ingenti volumi di abusi a seguito di un “trigger”, nonostante abbiano ricevuto relativamente pochi tweet nel complesso.

Il difensore del Newcastle Ciaran Clark, ora in prestito allo Sheffield United, è stato espulso contro il Norwich a novembre, con il 78% dei tweet offensivi ricevuti in questo giorno.

Nel frattempo, anche James McArthur del Crystal Palace è stato oggetto di un picco di abusi dopo essere stato ammonito per aver calpestato Bukayo Saka contro l’Arsenal a ottobre.

I ricercatori esamineranno anche se si è verificato un picco durante un incidente che ha visto il difensore del West Ham Kurt Zouma che prende a calci e schiaffi il suo gatto è venuto alla luce, poiché ciò è avvenuto dopo la raccolta dei dati.

Come ha funzionato lo studio?

Come parte della sua preparazione per regolamentare i giganti della tecnologia in base alle nuove leggi sulla sicurezza onlineOfcom ha collaborato con l’Alan Turing Institute, l’istituto nazionale britannico per la scienza dei dati e l’intelligenza artificiale, per analizzare oltre 2,3 milioni di tweet diretti ai calciatori della Premier League nei primi cinque mesi della stagione 2021-22.

Lo studio ha creato una nuova tecnologia di apprendimento automatico per valutare automaticamente se i tweet sono offensivi, mentre un team di esperti ha anche esaminato manualmente un campione casuale di 3.000 tweet.

Di quel campione, il 57% era positivo nei confronti dei giocatori, il 27% era neutrale e il 12,5% era critico. Il restante 3,5% era abusivo.

Dei 2,3 milioni di tweet analizzati con lo strumento di apprendimento automatico, il 2,6% conteneva abusi.

“Questi crudi risultati svelano fino a che punto i calciatori sono soggetti a vili abusi sui social media”, ha affermato la dott.ssa Bertie Vidgen, autrice principale del rapporto e responsabile della sicurezza online presso l’Alan Turing Institute.

“Sebbene affrontare gli abusi online sia difficile, non possiamo lasciarlo incontrastato. È necessario fare di più per fermare le peggiori forme di contenuto, per garantire che i giocatori possano svolgere il proprio lavoro senza subire abusi”.

Abusi rivolti ai calciatori

Quali sono i consigli?

Il Regno Unito introdurrà nuove leggi volte a rendere più sicuri gli utenti online, preservando al contempo la libertà di espressione, con regole per siti e app come social media, motori di ricerca e piattaforme di messaggistica.

“Le aziende di social media non devono aspettare nuove leggi per rendere i loro siti e app più sicuri per gli utenti”, ha affermato Bakhurst di Ofcom.

“Quando diventeremo il regolatore per la sicurezza online, le aziende tecnologiche dovranno essere davvero aperte sui passi che stanno adottando per proteggere gli utenti. Ci aspettiamo che progettino i loro servizi pensando alla sicurezza.

“I tifosi possono anche svolgere un ruolo positivo nella protezione del gioco che amano. La nostra ricerca mostra che la stragrande maggioranza dei fan online si comporta in modo responsabile e, all’inizio della nuova stagione, chiediamo loro di segnalare post inaccettabili e offensivi ogni volta che li vedono .”

Twitter afferma di accogliere con favore tale ricerca per aiutare a migliorare le conversazioni sulle sue piattaforme, indicando anche una serie di abusi online e funzionalità di sicurezza che ha implementato per impedire a tali post di raggiungere le persone.

Un portavoce di Twitter ha dichiarato: “Ci impegniamo a combattere gli abusi e, come delineato nella nostra Politica di condotta odiosa, non tolleriamo l’abuso o la molestia di persone sulla base di razza, etnia, genere, identità di genere o orientamento sessuale.

“Come riconosciuto nel rapporto, questo tipo di ricerca è possibile solo perché la nostra API pubblica è aperta e accessibile a tutti. Tuttavia, la nostra API pubblicamente accessibile non tiene conto della gamma di salvaguardie che mettiamo in atto, quindi ciò non rispecchiano completamente l’esperienza dell’utente.”

Twitter ha affermato di non aver visto i dati, ma ha affermato che il 50% di tutti i “contenuti violenti” si trova dai propri processi per aiutare l’onere di denunciare gli abusi su un individuo, aggiungendo “sappiamo che c’è ancora del lavoro da fare”.

L’organo di governo del calcio europeo, la Uefa, il mese scorso si è impegnato a collaborare con le piattaforme di social media per contrastare gli abusi online nell’ambito di una campagna Respect durante il Campionato Europeo femminile.

Altri progetti hanno incluso la campagna Hate Won’t Win di BBC Sport, insieme a Sky Sports, mentre nell’aprile 2021 squadre di calcio, giocatori, atleti e numerosi organismi sportivi hanno intrapreso un boicottaggio di quattro giorni dei social media nel tentativo di contrastare abusi e discriminazioni .

Tutto quello che devi sapere sullo stendardo della tua squadra della Premier LeaguePiè di pagina del banner BBC Sport

Source link